www.leonardoflamminio.it

dall'essere sapienti all'essere agenti


Menu sito:
Salta il menu


Elform e-learning SrL- Aule virtuali & Formazione e Applicazioni

Università Popolare di Milano

Elform e-learning - Formazione e Applicazioni Srl si occupa da anni di formazione a distanza (FAD), ossia della realizzazione di corsi la cui fruizione è svincolata dalle strutture tradizionali attraverso l’utilizzo delle moderne tecnologie informatiche
Si tenga comunque conto che ogni singolo elaborato dei nostri corsisti è il risultato di un percorso didattico complesso e ognuno di essi è di rilevante importanza in ambito scientifico e didattico. L'ambiente è il nucleo vitale dell'apprendimento; la sua costruzione non deve essere intesa soltanto in senso fisico, ma anche come processi acquisitivi che servono ad attivare le varie strategie, e dunque, le diverse progettazioni personali/lavorative. Ciò che deve essere fondamentale è la capacità di essere critici senza, ovviamente, cadere nell'eccesso, pena il fallimento del momento didattico stesso. La conoscenza non è garante dell'apprendimento ed è per questo motivo che entra in gioco la valutazione che deve considerare le competenze, cioè ciò che uno sa fare, non ciò che uno sa.Ogni organizzazione, qualunque settore appartenga, si posiziona in un sistema dove interagisce continuamente con altre entità. Tale interazione avviene attraverso uno scambio di risorse umane, professionali e ambientali all'interno di un contesto socio-economico, politico, culturale ed ambientale in continua evoluzione nell'In & Out della nostra de-formazione. Navigando oltre i sistemi convenzionali di una formazione tradizionalistica, negli ultimi anni, anche in funzione di un aumento di livello della coscienza collettiva, sta consolidandosi sempre più il concetto di "responsabilità sociale" in quanto il capitale umano viene chiamato a rispondere dell'utilizzo delle risorse e dell'impatto ambientale e sociale (benessere/malessere) che direttamente o indirettamente produce. In questa direzione si sta cercando di adottare strumenti per dare evidenza del loro livello di "responsabilità sociale evidenziano l'importanza degli aspetti legati alle risorse per il conseguimento degli obiettivi prefissati, posizionando le risorse umane nella attuale T.A.S.C.A. Una nuova impostazione tecnologica implica, anzitutto, la messa in opera di strategie d'approccio al sistema scolastico che utilizzano competenze ma, soprattutto, esperienze condivise attraverso i mezzi tecnologici odierni.
Questa strategia è operata in una società dove la formazione è dentro all'informazione, dove la Elform è stata pioniere di questa tipologia di FormaMentis

Elform SrL

L'Università Popolare degli Studi di Milano viene fondata da Ettore Ferrari, che ne fu anche il primo rettore, il giorno 8 aprile del 1900, ed è probabilmente una delle università popolari italiane che vanta un retroterre ed una tradizione culturale tra più significativi. Il discorso inaugurale dell'università fu tenuto da Gabriele d'Annunzio nel 1901. Vi hanno insegnato, nel primo ventennio, diverse personalità di spicco della letteratura europea. rettore è stato anche, fino al 2008, il giudice Tina Lagostena Bassi, distintasi anche per il contributo dato all'ente.

Si presenta comeente scientifico–culturale senza scopo lucrativocui fine partecipativo sociale. Affiliata con UUPN, sostiene l'integrazione universitaria internazionale e l' educazione d'eccellenza nel mondo. E' convenzionata anche con il ministero della difesa, e con il Centro di Alti Studi per la difesa, ed è inoltre iscritta all’Anagrafe Nazionale delle Ricerche.

Nel gennaio del 2010, il direttivo dell'università Popolare di Milano ha deliberato il volere di istituire il Museo Milanese dell'Università Popolare di Milano, la cui apertura è prevista per il 2012. Ad oggi per il museo sono già stati acquistati oltre 500 ritrovati storici. Il 17 febbraio 2011 presso la Camera dei Deputati l'Università Popolare di Milano ha ricevuto il premio Culla d'Europa per la formazione europea.

L’università popolare di Milano è membro della Confederazione Nazionale delle Università Popolari Italiane.CNUPI, ente giuridico ai sensi e per effetti del D.M 21/05/1991 Gazzetta ufficiale del 30/08/1991 n.203, anno 132°,emanato dal Ministero della Università,Ricerca scientifica e Tecnologica.Iscritta all’Anagrafe Nazionale delle Ricerche con codice definitivo 58241FKL presso il Ministero dell’Università e della Ricerca, Dipartimento per l’Università.

La pianificazione del progetto

è il passo preliminare nel quale vengono valutate le risorse disponibili, in cui si decide la strategia di distribuzione e si sviluppa il profilo del destinatario. La ricerca e le scelte effettuate sono il risultato di tale processo nella "creazione"di uno specifico progetto, che serve a misurare le aspettative, le attività e i risultati. Per far ciò bisogna indicare le differenti tipologie di applicazione che vengono usate per identificare una mappa progettuale fruibile considerando e valutando le risorse disponibili identificandone i bisogni:

Persone
Strumenti
Tempo
Profilo utente
Schema di progetto

Persone.

In linea di principio è possibile realizzare una applicazione interamente da soli, oppure, se il progetto da sviluppare è considerato complesso, si può pensare di coinvolgere le competenze di altre figure. L'approccio di costituzione di un team di lavoro costituito dalle figure del gruppo di lavoro che utilizzano una trasformazione del lavoro più semplice, fai da te, a quello più articolato riunite in un gruppo di lavoro;

Strumenti.

Sono da tenere in considerazione gli strumenti necessari allo sviluppo e alla gestione dell'applicazione (programma - autore), nonché quelli più specifici necessari a gestire i contributi multimediali. Programmi utili a trattare la grafica, l'audio, il video. Non ultimo i computers sui quali questi programmi dovranno essere installati ed utilizzati, ed eventuali altre periferiche;

Tempo.

Il tempo necessario allo sviluppo di una applicazione dipende comunque e in primo luogo dallo scopo del progetto. Determinato il ruolo che ha l'applicazione che si vuole realizzare nell'ambito della strategia e programmazione didattica è importante anche conoscere se il progetto nel futuro potrà essere aggiornato ed ampliato, o questa che ci si presenta è l'unica e l'ultima opportunità di produzione. Questa osservazione potrebbe tornare utile nel caso in cui si progetti l'applicazione per essere rilasciata su contenitore digitale ma potrebbe essere necessario in futuro utilizzarla in una intranet, dove nel tempo potrà venire modificata. Questo fattore influenzerà per esempio la scelta del sistema autore più adatto per l'implementazione, o i formati grafici con cui si dovranno trattare le immagini;

Profilo utente.

Sviluppare un profilo utente aiuta al gruppo di lavoro a concentrare l'attenzione a cui ci si vuole rivolgere e a valutare quanto i contenuti affrontati e i metodi utilizzati siano appropriati. Per raccogliere gli elementi necessari a questa analisi si consideri per esempio di intervistarli, di osservare il loro lavoro e come lavorano o di leggere le loro pubblicazioni (giornalini di scuola), o il materiale didattico usato (libri, appunti, dispense);

Creare uno schema di progetto.

Consolidare i risultati dell'indagine progettuale in un documento, potrà favorire l'implementazione di nuove idee e la misura dei progressi.


La formazione permette di incrementare il proprio bagaglio di conoscenze e il saper fare individuale e professionale al fine di poter lavorare con efficacia in tutte le fasi della selezione del personale. Saranno trattati i modelli di organizzazione aziendale e gli strumenti più utilizzati per rispondere alle esigenze di selezione e valorizzazione delle risorse umane.

Educare

Direttore Dott. Leonardo Flamminio PhD


Master di 2° livello Mediazione Familiare

Master di 2° livello in Scienze e Tecniche Pedagogiche

Master di I° livello in Counseling

Master di I° in Psicopedagogia e Psicopatologia della Realtà Virtuale

Master di I° livello in Gestione delle Risorse Umane


Il Web





| flamminio@libero.it

Torna ai contenuti | Torna al menu